≡ Menu

Cenni Storici

Le proprietà terapeutiche del sale inalato e a contatto con la pelle sono note fin dall’antichità. E’ nota la presenza di centri termali e balneari già dall’epoca degli antichi romani.

In tutta la sua storia l’uomo ha ben compreso e sfruttato le proprietà del sale,anche in regioni remote del continente lontane dai litorali marini, mediante l’estrazione dei cristalli da cave e grotte naturali.

I primi studi furono effettuati nel 1843 dal Dr. Feliks Boczkowski il quale decise di confutare le teorie sugli effetti benefici del sale che stavano sempre più prendendo piede. Le analisi vennero effettuate sugli operai impiegati nelle miniere di sale di Wieliczka dal momento che si rilevava in maniera sistematica la loro miglior salute, non solo rispetto ai colleghi che operavano in altre miniere ma anche rispetto alla media della popolazione dell’epoca.

L’uso moderno di questa terapia iniziò in Germania , quando il dottor Karl Hermann Spannagel notò il miglioramento della salute dei suoi pazienti dopo che si erano nascosti nella grotta carsica Kluterthöhle per sfuggire ai pesanti bombardamenti.

L’haloterapia controllata è oggi praticata in molti paesi ed in luoghi come Bystrianska in Slovacchia, Solotvyno in Ucraina e Wieliczka in Polonia vengono adibite vecchie miniere di sale per ospitare centri benessere e sanatori.